Toolkit per la formazione accessibile

Toolkit per una formazione accessibile 

Perché creare attività più accessibili?

Introduzione:

Il presente “Kit di formazione accessibilità” è inteso come un insieme di risorse formative sotto forma di buone pratiche, linee guida, strumenti e suggerimenti, domande e risposte su come i formatori e gli operatori giovanili attivi nelle aree creative e culturali possono rendere le loro attività di formazione e i servizi educativi più accessibili ai giovani, tenendo conto delle loro barriere sociali e fisiche.

In questo contesto, l’accessibilità e l’inclusione consistono nel rendere l’esperienza di apprendimento e i materiali didattici flessibili, accessibili e comprensibili a tutti gli studenti. Si tratta di ripensare costantemente il processo di insegnamento e l’esperienza di apprendimento in modo che tutti gli studenti si sentano inclusi nell’intero processo.

“Questo toolkit è stato sviluppato con la collaborazione dell’intero partenariato del progetto Trainers4Creativity”.

Come utilizzare questo kit?

Riteniamo che il “Kit di formazione per l’accessibilità” sia una risorsa utile quando un animatore giovanile, un formatore o un educatore prepara un’attività di apprendimento. Se avete bisogno di nuove idee, controllate i materiali disponibili in questo e in altri kit di formazione del progetto – abbiamo anche kit di formazione relativi alle pratiche digitali, creative e audiovisive. Provate a immaginare come potete combinare i diversi strumenti, linee guida e risorse che trovate in questi kit di formazione, perché sono molto correlati. Ad esempio, si può fare un’attività digitale, ma come si fa a garantire che sia accessibile a tutti i partecipanti? E come potete renderla più creativa o utilizzare strumenti audiovisivi per renderla ancora più attraente e coinvolgente? Tenete presente che tutte queste aree si completano a vicenda. 

 

Aree di accessibilità


Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 695

Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 708

Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 695

Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 708

Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 695

Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 708

Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 695

Notice: Undefined index: icon in /var/www/vhosts/trainers4creativity.eu/httpdocs/wp-content/plugins/elementor/includes/widgets/icon-box.php on line 708

Accessibilità nel materiale stampabile

“Ci sono due aspetti da migliorare per l’accessibilità della comunicazione stampata: la sostanza e la forma. Per migliorare l’accessibilità della sostanza del testo per le persone con difficoltà di apprendimento, è importante utilizzare un linguaggio che possa essere facilmente compreso. Il metodo più diffuso per rendere i testi facilmente comprensibili è il “Plain language”, una tecnica di scrittura che enfatizza parole semplici e strutture di frase dirette. Alcuni esempi dei principi sono: evitare l’uso della voce passiva (ad esempio “”ci si aspetta”” → “”ci aspettiamo””) e usare parole comuni (ad esempio “”advatageous”” → “”helpful””). È descritto in modo approfondito in questa interessante guida:

https://writer.com/guides/plain-language/.

Per quanto riguarda l’aspetto formale, le raccomandazioni più comuni sono quelle di utilizzare testi più grandi e punti elenco, di utilizzare un layout chiaro con spazi tra ogni testo, di mantenere le scritte al minimo e di evitare l’uso di troppi colori che possono rendere più difficile la lettura. Inoltre, si raccomanda l’uso di simboli, immagini o altri elementi grafici per rafforzare il contesto e il significato del messaggio.

Esistono istituzioni pubbliche e private che aiutano le organizzazioni a migliorare l’accessibilità delle loro comunità. Il nostro consiglio è di verificare innanzitutto se il vostro Paese o la vostra regione dispone di un servizio dedicato all’accessibilità. Essendo un tema di salute pubblica, in molti casi i governi ne hanno uno, come nel caso della Francia, di alcune regioni della Germania come Berlino, dell’Italia, del Regno Unito… A livello europeo, ci sono anche alcune organizzazioni che possono essere utili a questo proposito, come Inclusion Europe, l’Associazione europea dei fornitori di servizi per le persone con disabilità (EASPD) o il Forum europeo della disabilità. Infine, se volete entrare in contatto con un esperto di accessibilità, troverete sicuramente contatti interessanti attraverso la IAAP – International Association of Accessibility Professionals.

Un gran numero di persone soffre di daltonismo, ipovisione o cecità ed esistono alcune buone pratiche per rendere la stampa più accessibile a queste persone. Un aspetto importante è il contrasto cromatico tra gli elementi sovrapposti. Esistono strumenti sul web, come WebAIM, per verificare che il contrasto sia sufficiente per le persone con problemi di vista. Un’altra buona pratica è quella di evitare l’uso del colore per trasmettere informazioni, perché alcuni non saranno in grado di cogliere il messaggio. In un altro caso di studio, citiamo un’altra possibile ottimizzazione con l’uso di un font gratuito sviluppato dalla fondazione Braille, specificamente ottimizzato per rendere le lettere più leggibili e per ridurre l’ambiguità tra le forme delle lettere.

Una conoscenza limitata della lingua è un fattore ovvio che impedisce agli stranieri arrivati da poco di comprendere appieno le vostre comunicazioni. Come per le persone con difficoltà di apprendimento, è importante utilizzare un linguaggio di facile comprensione e aggiungere simboli universali quando possibile. Tuttavia, è anche importante tenere presente che il loro vocabolario potrebbe essere molto limitato. Per questo motivo, può essere importante assicurarsi che la comunicazione sia comprensibile per una persona con un livello di conoscenza della lingua compreso tra A1 e A2. Alcuni strumenti online come Capito (descritto in un caso di studio) consentono di verificare se un testo è comprensibile e forniscono suggerimenti per renderlo comprensibile a partire da un certo livello linguistico. Se la vostra organizzazione ha spesso a che fare con giovani stranieri, potrebbe essere interessante valutare questa opzione. Un altro fattore che entra in gioco è il fatto che i giovani stranieri potrebbero non ritenere che l’argomento promosso nella vostra stampa li riguardi. Vale la pena di tradurre un riassunto del nucleo della vostra comunicazione in diverse lingue. Altrimenti, includete nelle vostre comunicazioni la frase “tutti sono i benvenuti” tradotta in diverse lingue, per coinvolgere le persone appena arrivate nel Paese e aiutarle a sentirsi partecipi dell’attività/evento di cui state comunicando.

“””I giovani LGBTQIA+ si trovano spesso ad affrontare sfide uniche ed è importante assicurarsi che la comunicazione includa anche loro, per evitare un’emarginazione involontaria. Un primo passo importante è evitare di fare supposizioni sul loro genere, sulla loro sessualità o sulle loro relazioni. Ad esempio, non si deve dare per scontato un pronome per una persona. Infatti, la maggior parte ma non tutti gli uomini (compresi i trans) usano il pronome “”lui”” e la maggior parte ma non tutte le donne (comprese le trans) usano il pronome “”lei””. Ci sono anche molti tipi di relazioni e famiglie tra le persone LGBTIQA+; se dovete scriverne, chiedete alle persone come descrivono la loro famiglia o relazione e usate la loro terminologia. L’adozione di un linguaggio neutro e non presuntuoso, che non dia per scontato l’orientamento sessuale, l’identità di genere o le caratteristiche sessuali, è la chiave per una comunicazione inclusiva. Parole e frasi come “”partner””, “”genitori””, “”relazione””, “”in una relazione”” sono esempi di linguaggio inclusivo LGBTIQA+ (invece di “”moglie””, “”coniuge””, “”madre””, “”marito””, “”padre””…).


Infine, come per gli stranieri e i rifugiati, una comunicazione positiva e accogliente è importante per far sì che le persone LGBTQIA+ entrino in contatto con le vostre comunicazioni, con menzioni come “”Tutti i generi sono benvenuti”” o l’uso della bandiera LGBTQIA+””.”

La co-creazione è uno dei modi più efficaci per far sentire i giovani coinvolti nell’argomento che volete comunicare. Inoltre, chi meglio di loro può fornire idee che attireranno altri giovani verso il tema della vostra comunicazione? In uno dei casi di studio, descriviamo alcuni esempi di organizzazioni che hanno co-creato zine (riviste fai-da-te) con i giovani. Questa è una delle tante possibilità di co-creazione della comunicazione con i giovani: manifesti, newsletter, annunci… Infatti, utilizzando strumenti software di progettazione grafica, qualsiasi elemento creato dai ragazzi (come disegni o adesivi) può essere scansionato e aggiunto a un progetto di stampa. È anche possibile coinvolgere i ragazzi durante la creazione della stampa e chiedere il loro feedback sulla posizione degli elementi, sulle scritte, ecc. Sicuramente qualcosa da provare nella vostra organizzazione!

Accessibilità dei contenuti online

Per migliorare i contenuti online per le persone con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), si possono applicare i seguenti suggerimenti:

(https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30294983/) – Usare un linguaggio chiaro e conciso: si raccomanda di evitare l’uso di parole complesse, di espressioni idiomatiche diverse o di termini tecnici che potrebbero essere difficili da capire. Si consiglia di utilizzare un linguaggio semplice e frasi brevi per trasmettere l’argomento. – Utilizzare un layout e una formattazione chiari: Utilizzate titoli, sottotitoli, elenchi puntati e numerati per facilitare la lettura e la scansione dei contenuti. Utilizzate un carattere leggibile e una dimensione di almeno 12 punti.(https://www.washington.edu/doit/tutorial-making-online-learning-accessible-students-disabilities )

  • Fornite formati alternativi: Offrite versioni audio o trascrizioni dei vostri contenuti per le persone che hanno difficoltà a leggere. Potete anche fornire immagini e video con didascalie o descrizioni.
  • Utilizzare supporti visivi: Utilizzate immagini, video, infografiche e diagrammi per illustrare i vostri punti. Assicuratevi che siano chiari e facili da capire.

(https://www.inclusionhub.com/articles/improving-digital-inclusion-learning-disabilities)

 

  • Evitare il disordine: Non sovraccaricate i contenuti con troppe informazioni. Mantenete il contenuto semplice e focalizzato sui punti principali.
  • Testate i contenuti: Chiedete il parere di persone con SLD per assicurarvi che i vostri contenuti siano accessibili e facili da capire.

 

Potete anche utilizzare strumenti online come i calcolatori di leggibilità per verificare il livello di lettura dei vostri contenuti. – Fornire un supporto individuale: per migliorare tutti questi consigli è consigliabile fornire un supporto individuale alle persone con SLD per chiarire i potenziali errori. Altre fonti interessanti:

  • https://www.helpguide.org/articles/autism-learning-disabilities/helping-children-with-learning-disabilities.htm
  • https://greatergood.berkeley.edu/article/item/how_to_help_students_with_learning_disabilities_focus_on_their_strengths

Ci sono molti modi per rendere i vostri contenuti online accessibili alle persone non vedenti o sorde. Qui condividiamo alcuni suggerimenti per migliorare i vostri contenuti: – Aggiungere un testo alternativo (Alt Text) a tutte le immagini. Il testo alternativo è una breve descrizione di ciò che l’immagine mostra. Aiuta le persone che usano gli screen reader a capire l’immagine.

(https://blog.yourdolphin.com/blog/6-ways-to-make-digital-content-accessible) – Fornire didascalie e trascrizioni per tutti i video e i file audio. Le didascalie sono versioni testuali di ciò che viene detto o sentito in un video o in un file audio. Esistono diversi strumenti che aiutano a trascrivere i video o i file audio. Alcune piattaforme video generano automaticamente le trascrizioni (youtube), ma è necessario controllare il testo. Esistono anche alcune AI che aiutano a trascrivere i file, come Whisper.

(https://www.happyscribe.com/blog/how-to-make-web-content-more-accessible-for-the-deaf-and-hard-of-hearing/) (https://openai.com/blog/whisper/)

– Utilizzare un linguaggio chiaro e semplice. Un linguaggio chiaro e semplice è facile da leggere e da capire per tutti, soprattutto per le persone che utilizzano screen reader o display Braille. Aiuta anche le persone con disabilità cognitive o con un basso livello di alfabetizzazione. (https://equalizedigital.com/how-to-make-your-website-accessible-for-deaf-blind-people/) Esistono tecniche più avanzate che si possono apprendere dalle linee guida sull’accessibilità del web, come le WCAG 2.1. (https://www.w3.org/WAI/standards-guidelines/wcag/new-in-21/).

To create online content that is accessible to everyone, regardless of their socio-economic status, there are several important points to keep in mind: • Use clear and simple language that is easy for all readers to understand. Avoid using technical jargon or complicated words that may confuse readers. • Make sure your content is easy to read and navigate. Use clear headings and subheadings to organize your content and make it easier to follow. • Use images and videos to complement your content. Images can help explain complicated concepts and make your content more visually appealing. • Consider offering your content in several different formats, such as text, audio, and video. This can help reach a wider audience and make your content more accessible for those with visual or hearing impairments. • Finally, make sure your content is available online for free or at a reasonable price. This can help ensure that your content is accessible to everyone, regardless of their financial situation. Sources: 1. blogs.microsoft.com 2. forbes.com 3. blog.hootsuite.com

Come posso creare contenuti online più motivanti per i giovani? “Per creare contenuti online più motivanti per i giovani, ci sono diversi punti importanti da tenere a mente:
1. Utilizzate un tono colloquiale che sia relazionabile al vostro pubblico. Evitate di usare un linguaggio formale o un gergo tecnico che potrebbe allontanare i lettori più giovani.
2. Utilizzate immagini e video che siano visivamente accattivanti e coinvolgenti. I lettori più giovani sono più propensi a impegnarsi con contenuti visivamente interessanti.
3. Utilizzate esempi e storie di vita reale per illustrare i vostri punti. I lettori più giovani sono più propensi a entrare in contatto con contenuti a cui possono fare riferimento.
4. Rendete i vostri contenuti interattivi e divertenti. Considerate l’uso di quiz, giochi o altri elementi interattivi per mantenere il vostro pubblico coinvolto.
5. Infine, assicuratevi che i vostri contenuti siano pertinenti e tempestivi. I lettori più giovani sono più propensi a impegnarsi con contenuti attuali e rilevanti per la loro vita.

Fonti:
1. blog.blackboard.com
2. blog.rise.com
3. elearningindustry.com”.

Accessibilità del materiale audiovisivo

I materiali audiovisivi sono ormai onnipresenti nella nostra vita quotidiana e possono rappresentare uno strumento importante nelle mani di un insegnante per sviluppare argomenti e creare esperienze per un pubblico specifico.
Data la grande varietà di disturbi SLD, è difficile avere una risposta unica e completa su come trattare i materiali audiovisivi in questo ambito, ma ci sono alcune attenzioni e buone pratiche che ogni insegnante potrebbe implementare nel suo lavoro per rendere i materiali audiovisivi più accessibili e utili per un pubblico specifico affetto da SLD:

-CONOSCERE IL PROPRIO PUBBLICO. Cercate di avere, quando possibile, il maggior numero di informazioni sui partecipanti alla vostra classe, in modo da preparare la vostra proposta didattica direttamente per il pubblico che avete, e di adattare i vostri materiali agli SLD specifici del vostro pubblico. Se è possibile, riuscite a creare un gruppo omogeneo di persone in base alle loro caratteristiche peculiari per dare una forma migliore e precisa alla vostra proposta didattica.

-PREPARARE I MATERIALI DIDATTICI DELLA VISITA con cura e attenzione, fornendo trascrizioni e didascalie per i materiali audiovisivi che includono tutti i dialoghi, la narrazione e gli effetti sonori. Questo aiuterà, ad esempio, coloro che hanno difficoltà a elaborare le informazioni uditive a seguirli. Esistono oggi alcuni strumenti di intelligenza artificiale che possono aiutarvi nel processo di trascrizione o didascalia: https://www.happyscribe.com/blog/how-to-make-web-content-more-accessible-for-the-deaf-and-hard-of-hearing/ e https://openai.com/blog/whisper/ -Lavoro di squadra Cercate, quando è possibile, di coinvolgere altri professionisti nell’esperienza didattica (esperti LIS, logopedisti, psicologi, ecc.) e di lavorare con loro come una squadra.

-PREPARARE Lo SPAZIO in modo che possa essere vissuto al meglio da tutti: fornire un buon impianto audio e un buon proiettore/monitor, cercare di proiettare il più grande possibile, assicurarsi di poter oscurare l’ambiente di proiezione per concentrarsi sui contenuti e quindi minimizzare l’inquinamento luminoso aumentando la leggibilità.

-GESTIRE CON CURA IL TEMPO DELLE ATTIVITÀ, prevedendo pause e tempi di discussione per aiutare tutto il gruppo a mantenere un ritmo comune e condiviso, e per verificare costantemente l’eventuale insorgere di problemi, l’energia, la comprensione e la risposta del pubblico.

-MANTENERE LA SEMPLICITÀ Utilizzando un linguaggio chiaro e conciso quando presentate le informazioni. Evitate l’uso di video montati velocemente o l’uso di termini tecnici (a meno che non siano necessari) e fornite sempre spiegazioni quando necessario.

I materiali audiovisivi sono uno strumento potente nella cassetta degli attrezzi di ogni insegnante.
Nella maggior parte dei casi, i materiali video e audiovisivi sono intrinsecamente accessibili alle persone con disabilità o disturbi fisici, in particolare a coloro che possono avere difficoltà a leggere o elaborare testi scritti. Essi consentono di presentare le informazioni in un formato uditivo e visivo, che può essere più facile da elaborare e assimilare.
Lavorando con persone che presentano disabilità fisiche, i materiali audiovisivi possono essere utilizzati come focus di contenuto (ad esempio condividendo un film, un documentario o qualsiasi altra forma di audiovisivo su un tema o un argomento specifico) e possono essere molto importanti per innescare qualsiasi tipo di discussione su un argomento specifico, assicurando che tutti possano condividere la stessa esperienza insieme, senza fare affidamento su specifiche abilità fisiche.

Un altro aiuto in questo ambito può essere fornito dai nuovi media e dalle possibilità di software/hardware audiovisivi: con queste tecnologie chiunque (con le proprie conoscenze o con l’aiuto di un professionista) può creare strumenti audiovisivi personalizzati direttamente collegati alle esigenze o alle caratteristiche di un pubblico specifico, permettendo di essere più precisi e creativi nel superare problemi specifici o facilitare compiti specifici.
Un buon esempio potrebbe essere la scrittura di un software personalizzato con cui una persona affetta da tetraplegia possa riuscire a esplorare un browser, utilizzando comandi a tracciamento oculare.

I video possono anche essere utilizzati per fornire tour virtuali di spazi fisici, come musei, siti storici e archeologici, città e ambienti naturali, rendendo lo spazio più accessibile a persone che potrebbero avere difficoltà ad accedervi fisicamente.

È possibile trovare alcuni esempi e strumenti relativi a questi concetti nel VISUAL TRAINING KIT sul sito di T4C (:::::LINK:::)

I materiali audiovisivi possono essere utilizzati in molti modi per creare progetti e attività incentrati sul miglioramento dell’accessibilità sociale ed economica per i giovani.
La filmografia mondiale (film/documentari/spettacoli televisivi/archivi/contenuti online) è oggi molto accessibile grazie ai servizi online e può diventare un’enorme fonte di ispirazione e di sviluppo per affrontare letteralmente ogni aspetto della conoscenza e del comportamento umano: l’esperienza condivisa di guardare una storia insieme può diventare un enorme stimolo per sviluppare discussioni su qualsiasi argomento si stia lavorando.

Inoltre, la produzione di audiovisivi e la loro pubblicazione online può essere molto efficace per i ragazzi per raggiungere e parlare ai loro coetanei condividendo la loro personale visione del mondo e suscitando confronti e discussioni.
I materiali audiovisivi possono anche essere uno strumento per raccogliere fondi per i progetti, mostrando le loro opere e il loro progetto nelle piattaforme di foundraising o sui social media.

L’audiovisivo è un campo di competenze molto ampio, ma tutte queste conoscenze ruotano attorno a un compito specifico:
FARE E PRODURRE IL PROPRIO FILM
Tutto il flusso di lavoro necessario per realizzare e produrre un audiovisivo (film, documentario, video, animazione, interattivo,…) è, intrinsecamente, molto vario, multilivello e formativo, offrendo esperienze multiple e sfaccettate a chiunque sia coinvolto.
Dalla sceneggiatura alla regia, dalle riprese alla recitazione, dalla registrazione del suono alla costruzione di scenografie, dal budget alla logistica, ci sono una pletora di conoscenze ed esperienze preziose da fare nel processo di produzione del proprio film o video.


Chiunque, a diverse età o condizioni personali, può sperimentare e migliorare i propri talenti e le proprie inclinazioni specifiche facendo parte di una produzione cinematografica o video. Inoltre, il flusso di lavoro audiovisivo è intrinsecamente un lavoro di squadra e uno sforzo condiviso che richiede e valorizza naturalmente un approccio collaborativo e un rapporto con gli altri, dando a tutti la possibilità di studiare e sperimentare diversi mestieri che possono anche portare a una futura carriera professionale.


Potete trovare alcune linee guida su come produrre i vostri audiovisivi nel T4C VISUAL TRAINING KIT (:::::LINK:::) e potete anche fare riferimento a questi esempi e progetti per trovare una buona ispirazione:


Lumière na Sala de Aula (Lumière in classe) è un progetto pedagogico proposto da AO NORTE da attuare nelle scuole, rivolto agli studenti delle scuole elementari, delle scuole superiori e dell’università. Il progetto mira a sensibilizzare gli studenti di diverse scuole al processo creativo del cinema, con l’obiettivo principale di affrontare la narrazione, educare al cinema attraverso il contatto con il linguaggio audiovisivo e fornire uno spazio per la creazione, la sperimentazione e l’apprendimento, utilizzando gli strumenti audiovisivi come metodo per stimolare la creatività dei giovani e valorizzare diversi modi di esprimersi e comunicare.
http://lugardoreal.com/lugar-do-real




Il progetto DIMPA, finanziato da Erasmus+ nel 2018, prevede strumenti gratuiti o finanziariamente accessibili, che non richiedono particolari competenze e consentono di produrre rapidamente contenuti di alta qualità. Questi strumenti sono accompagnati da tutorial e sono raccolti in toolkit con consigli pratici e linee guida dedicate a ciascuna tecnologia
https://www.dimpaproject.eu/oer-open-education-resources/


I corsi di Aiace Torino si rivolgono alle scuole di ogni ordine e grado, seguendo tre linee di intervento principali che riguardano il cinema quali: LINGUAGGIO, STRUMENTO, AZIONE.
Seguendo questa direzione, il cinema diventa uno STRUMENTO per affrontare le materie curricolari (storia, letteratura, arte, scienze) da un’altra prospettiva, attingendo a sequenze particolarmente esemplificative per impostare le lezioni. Come LINGUAGGIO, il cinema viene indagato sia per il suo modo di raccontare (e di raccontarsi), sia come espressione artistica con i suoi codici e la sua estetica.
Infine, il cinema viene proposto come AZIONE con la possibilità di impostare lezioni secondo la metodologia del learning by doing.
https://aiacetorino.it/aiace_scuola/

Accessibilità nella valutazione

L’applicazione delle TIC (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) è molto importante perché può svolgere un ruolo essenziale nel fornire un’istruzione di alta qualità agli studenti con disabilità. Tali tecnologie possono essere utilizzate come assistenza tecnica, consentendo agli studenti con bisogni speciali di partecipare attivamente al processo di interazione e comunicazione. Esistono anche dispositivi e software di assistenza – come la tecnologia di assistenza alla lettura per le persone affette da dislessia – per rispondere alle esigenze degli studenti con difficoltà di comunicazione, rendendo possibile una risposta più precisa ai bisogni di ogni persona. Ad esempio, per gli studenti con difficoltà di scrittura, la possibilità di prendere appunti su un computer portatile o un tablet può migliorare la qualità della scrittura e facilitare il processo di presa di appunti, riducendo gli errori di ortografia e aumentando la produttività e la fiducia in se stessi dello studente. Le TIC possono anche sviluppare la capacità degli studenti di controllare il proprio ambiente, fare scelte sulle proprie esperienze, supportare la risoluzione dei problemi, dare accesso alle informazioni e fornire interazione con altri studenti con disabilità.

Nell’area culturale e creativa, i formatori possono usare le TIC per migliorare le loro attività o per renderle più accessibili a certi partecipanti, usando le TIC per fornire un ambiente di apprendimento e/o di svago in cui ci sia equità tra i partecipanti, assicurandosi che tutti abbiano ciò che è necessario per partecipare all’attività proposta. Così facendo, promuoverete anche condizioni più eque per i momenti di valutazione, poiché i partecipanti, disponendo di strumenti che consentono loro di mantenere uguali livelli di coinvolgimento e di progresso fin dall’inizio, otterranno anche risultati più favorevoli ed equi alla fine.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, consultate le seguenti risorse:
https://iite.unesco.org/pics/publications/en/files/3214644.pdf
https://www.readingrockets.org/article/assistive-technology-kids-learning-disabilities-overview
https://www.ldatschool.ca/assistive-technology/

La prima cosa da fare è identificare i tipi di SLD presenti nella classe e cercare di capire le esigenze di ogni studente. A questo punto, come formatore/operatore giovanile, può essere utile leggere alcuni manuali sull’educazione inclusiva per trovare la metodologia didattica migliore per includere e motivare gli studenti con SLD nella materia che si sta trattando.
È importante tenere presente che i giovani con SLD sono spesso esclusi e demotivati dalla pressione della società. Una delle cose più importanti per preparare un giovane con SLD al suo futuro professionale è aiutarlo a comprendere meglio le sue capacità e le sue difficoltà, mostrandogli come utilizzare le sue abilità personali nelle sue aree di interesse. Per aiutarvi in questo, prendete in considerazione nuove metodologie di valutazione che permettano di sfruttare al meglio le capacità di ogni persona e di far emergere il suo potenziale in modo equo, tenendo conto dei suoi bisogni specifici (nota: vedere metodi come la valutazione partecipativa e altri metodi inclusivi nel caso di studio Better Evaluation).

Come formatore è molto importante creare una metodologia inclusiva per creare un ambiente sicuro per i giovani con SLD. Per fare questo è necessario educare anche gli altri studenti a essere persone che comprendono e rispettano la diversità. Non tollerare mai comportamenti ostili ed esclusivi. Creare un ambiente sociale in cui i giovani con SLD non si sentano esclusi o inferiori al resto del gruppo.

Per ulteriori informazioni, consultare le seguenti risorse:
https://www.unicef.org/eca/sites/unicef.org.eca/files/IE_summary_accessible_220917_brief.pdf
https://www.adcet.edu.au/inclusive-teaching/specific-disabilities/specific-learning-disability
https://homeschoolingwithdyslexia.com/teaching-students-dyslexia-use-assistive-technology/
https://ti4pes.hytton.com/publications/ (contiene vari manuali sui SLD e sui piani educativi inclusivi che utilizzano le TIC)

Stimolare la curiosità e l’interesse dei giovani nella ricerca di nuovi linguaggi culturali e artistici rinfrescanti/rivoluzionari. Per farlo si può iniziare a creare attività che includano diversi tipi di arte, realizzando, ad esempio, uno spettacolo che comprenda danza, musica e recitazione, e non solo uno di questi ambiti. Si può anche cercare di creare progetti che coinvolgano artisti professionisti che ispirino i giovani, in modo da incoraggiarli a partecipare e a guardare al progetto/attività come a un’opportunità di crescita. In questo ambito, il caso di studio Projetos Mutantes è un ottimo esempio di come creare attività coinvolgenti in questo settore: invitano artisti emergenti e consolidati a svolgere laboratori artistici durante le vacanze, consentendo ai giovani di piccole località di interagire con artisti con background ed espressioni artistiche molto diverse (gratuitamente, garantendo l’inclusione sociale ed economica), in un ambiente rilassato dove la sperimentazione e la scoperta sono al centro dell’apprendimento.

Poiché molti giovani a rischio di esclusione o socialmente svantaggiati si sentono soli o esclusi, è anche importante sviluppare progetti che creino spazi sicuri per i bambini/adolescenti per esprimersi senza alcun timore o pregiudizio, assicurando che il gruppo sia eterogeneo e che i partecipanti si rispettino a vicenda. L’obiettivo è soprattutto quello di creare un forte senso di comunità, di mostrare loro che non sono soli, che la creatività e la diversità sono una forza e di motivarli a partecipare maggiormente a progetti extrascolastici e artistico-culturali.

“La valutazione nell’area culturale e creativa non è la stessa che in aree meno soggettive. Tuttavia, questa non è una debolezza, ma piuttosto un’opportunità per i formatori e gli operatori giovanili di adattare la valutazione delle loro attività ai partecipanti, tenendo conto dei loro bisogni specifici (SLD, sociali/economici, fisici, motivazionali, ecc.) e sfruttando le loro capacità, al fine di evidenziare, attraverso una “”valutazione”” positiva e non punitiva, ciò che hanno raggiunto in una determinata attività/ momento.

Consultate il caso di studio Valutazione migliore per esplorare diversi metodi di valutazione, come la “”valutazione partecipativa””. Questo caso di studio contiene anche importanti spunti su come e quando fare una valutazione d’impatto e su come condurre una discussione di gruppo attraverso la metodologia del “World Cafè”, che può essere molto utile anche nel contesto della raccolta di feedback su un’attività attraverso un approccio basato su workshop e focus group. “

Accessibilità nella musica e nella comunicazione

L’esperienza musicale inclusiva può essere considerata come l’insieme di approcci formativi che sfruttano il canale suono-musica per promuovere l’inclusione scolastica e sociale di ogni persona. Negli ultimi anni, la ricerca neuroscientifica ha dimostrato come il training sonoro sostenga la crescita equilibrata dell’individuo, con ripercussioni sulla sfera emotiva, cognitiva, motoria, sulla creatività e sull’autostima. In particolare, l’esperienza musicale contribuisce all’acquisizione della percezione fonologica del linguaggio e, di conseguenza, alla creazione dei prerequisiti e al miglioramento delle capacità di lettura e scrittura.Within the inclusive experience, music constitutes a “fundamental and universal component of human experience, which offers a symbolic and relational space conducive to the activation of cooperation and socialization processes, the acquisition of tools of knowledge, the enhancement of creativity and participation, to the development of the sense of belonging to a community, as well as the interaction between different cultures” (Ministerial Decree 139/07- All. 2)


In conclusion, active musical experience represents an extremely effective tool, a universal language  capable of promoting inclusion, communication and the maturation of social and cultural skills for everyone, regardless of the conditions of social, economic, cultural, or the presence of specific disabilities.
Symphonic Taxi Orchestra (Aosta Valley, Italy)


The Symphonic Taxi Orchestra is an inclusive orchestra, made up of people with disabilities, teachers, students and professionals, which made its debut in the Aosta Valley in 2018, born from an idea by Marco Giovinazzo and Paolo Salomone (https: //www.youtube.com/watch?v=iuxf2wS6rvE&ab_channel=SFOMSchoolFormazioneOrientamentoMusicale)


«The orchestra was born for young people with disabilities», explains Giovinazzo, “it has become to all intents and purposes a project that wants to grow by extending itself to all musicians, from Aosta Valley and not, who want to have an inclusive experience, where music is a pretext to be together and to work on many fronts».


All the members participate in the project as volunteers: “The message we want to get across is that it is an open orchestra, where everyone can ask to play; the staff is truly heterogeneous and sees the students of the laboratory ‘Suono anch’io’ – from the disability department of the School of Musical Training and Orientation of the Valle d’Aosta – teachers of the SFOM and the Istituto Musicale Pareggiato of the Valle d’Aosta , volunteers of APS Tamtando, recent graduates and students of different music schools. The concept is that the amateur orchestra is just as important as the professional orchestra. We have the dream of making musicians understand that being part of this orchestra should not be an alternative to a professional career, but a parallel experience” (Marco Giovinazzo)


The STO has been invited to various schools to bear witness to a virtuous model of inclusion and enhancement of people with disabilities. «Especially when we go outside the Valley, we are also invited to offer a concert to the students to show how music brings benefits to everyone and how it is possible to be on the same stage with different skills. It is not a project that wants to have a low profile: through the musical and emotional sphere, which pushes us to overcome some limits, we have in some respects achieved very important results compared to the initial premises». (Mark Solomon)


“Even the families are happy and enthusiastic about the project, because it is a healthy way for their children to spend their free time and grow up being in the orchestra, learning the rules and making sure they arrive prepared for rehearsals. Even for professional musicians it is a lesson in enthusiasm: many times those who are part of this world experience the orchestra as a job or a way to pay for their studies, instead here there is sharing and we are all together and all the same, leaving the classic orchestral hierarchy. we help each other and we also make ourselves available to distort the scores in rehearsal, if the situation requires it: in the world of music this is fundamental, for a more open and freer approach to music, even towards different genres». (Marco Giovinazzo)

Lasciate una scia di briciole di pane
Per le persone con tempi di attenzione ridotti, è facile confondersi quando si segue una lunga serie di passaggi di navigazione in una pagina web. Per questo motivo, il “Criterio di successo WCAG 2.4.8: Posizione” raccomanda di rendere facilmente disponibili le informazioni sulla posizione dell’utente all’interno di una serie di pagine web.


Un percorso a briciole di pane aiuta l’utente a visualizzare come sono stati strutturati i contenuti e come navigare a ritroso verso le pagine Web precedenti, e può identificare la posizione corrente all’interno di una serie di pagine Web. Un percorso a briciole di pane può visualizzare le posizioni del percorso seguito dall’utente per raggiungere la pagina Web, oppure la posizione della pagina Web corrente all’interno dell’organizzazione del sito.
I percorsi a briciole di pane sono implementati utilizzando i collegamenti alle pagine Web a cui si è acceduto durante la navigazione verso la pagina Web corrente. Sono collocati nella stessa posizione all’interno di ogni pagina Web dell’insieme.

Esempio:
L’architettura informativa di un sito Web è suddivisa in categorie, da quelle generali alle sottosezioni di aree sempre più specifiche.

Siete qui: Trainers4Creativity → Risultati del progetto → Kit di formazione → Kit di formazione digitale → Digitalizzazione della musica

Il percorso inizia con “Sei qui” e termina con la pagina corrente. Gli elementi del percorso sono link cliccabili o toccabili, a eccezione di “Sei qui” e “Digitalizzazione musicale”. Questo esempio utilizza il simbolo della freccia a destra (→) come separatore.

Mappa del sito
La mappa del sito ha diversi scopi.
* Fornisce una panoramica dell’intero sito.
* Aiuta gli utenti a capire cosa contiene il sito e come sono organizzati i contenuti.
* Offre un’alternativa a complesse barre di navigazione che possono essere diverse in varie parti del sito.
Il tipo più semplice e più comune di mappa del sito è un contorno che mostra i collegamenti a ogni sezione o sotto-sito. Tali visualizzazioni non mostrano le relazioni più complesse all’interno del sito, come i collegamenti tra le pagine delle diverse sezioni del sito. Le mappe del sito di alcuni siti di grandi dimensioni utilizzano titoli che si espandono per mostrare ulteriori dettagli su ogni sezione.
Una mappa del sito descrive i contenuti e l’organizzazione di un sito. È importante che le mappe del sito vengano aggiornate ogni volta che il sito viene aggiornato.

Suggerisci correzioni se gli utenti sbagliano
La funzione di ricerca di un sito web può aiutare gli utenti a raggiungere rapidamente la destinazione desiderata. Se le informazioni fornite dall’utente sono scritte o formattate in modo errato, le correzioni in tempo reale possono suggerire l’alternativa più probabile.

Controllo con la tastiera
Per le persone con mobilità limitata o con difficoltà di controllo della motricità fine, può essere difficile, o addirittura impossibile, navigare in un sito web utilizzando il mouse. “Il criterio di successo 2.1.1 delle WCAG: Tastiera” richiede che tutti i contenuti di una pagina siano utilizzabili con la sola tastiera (o con un emulatore di tastiera come software di input vocale, software sip-and-puff, tastiere su schermo e altro).
Impatto visivo e contrasto
Molti designer adottano un approccio “less-is-more” al web design, soprattutto per quanto riguarda i colori. Se da un lato questo approccio può dare vita a design minimalisti e di grande impatto, con palette di colori tenui, dall’altro non è molto accessibile per le persone ipovedenti.
“Il criterio di successo WCAG 1.4.3: Contrasto (minimo)” raccomanda un rapporto di contrasto di almeno 4,5:1 tra testo in primo piano e colori di sfondo.


Ridimensionare il testo
Le dimensioni ridotte del testo possono essere un grosso ostacolo per gli utenti ipovedenti, che si affidano ai browser web per ridimensionare il testo a una dimensione più comoda. Per questo motivo, le WCAG raccomandano che i siti web (1) evitino di usare immagini per visualizzare il testo e (2) si assicurino che il ridimensionamento del testo non lo faccia fuoriuscire dallo schermo.
“WCAG SC 1.4.4 Ridimensionamento del testo” richiede che il testo possa essere ridimensionato senza tecnologie assistive fino al 200% senza perdita di contenuto o funzionalità.
Per le persone che non sono in grado di percepire visivamente le immagini, il testo alternativo alle immagini (o alt text) è fondamentale per comprendere tutti i contenuti di una pagina. Il testo alternativo è una descrizione scritta di un’immagine che gli screen reader possono leggere ad alta voce o convertire in Braille.
Scorrimento dei contenuti
Se state cercando di decidere quando, dove e come usare l’animazione, la prima domanda che dovreste porvi è sempre “È necessario?”.
Dobbiamo essere consapevoli che lo scorrimento dei contenuti può essere impegnativo per gli utenti ipovedenti o con disabilità cognitive. Allo stesso modo, il movimento può rendere difficile per alcuni utenti concentrarsi su altre parti della pagina.
“Il criterio di successo 2.2.2 delle WCAG: Pause, Stop, Hide” raccomanda di offrire agli utenti un modo per mettere in pausa, interrompere o nascondere qualsiasi contenuto che (1) si avvia automaticamente, (2) dura più di cinque secondi e (3) viene presentato insieme ad altri contenuti.

Titoli di pagina
La scelta del giusto titolo della pagina non è importante solo per ottimizzare il posizionamento del sito sui motori di ricerca, ma è anche un elemento chiave per la navigazione del sito.
Dato che il titolo della pagina è il primo componente che uno screen reader segnala, è importante prestare molta attenzione al contenuto e alla formattazione.
Un buon titolo di pagina è particolarmente importante per l’orientamento, per aiutare le persone a sapere dove si trovano e a spostarsi tra le pagine aperte nel browser. La prima cosa che gli screen reader dicono quando l’utente passa a un’altra pagina web è il titolo della pagina.
Cosa fare:
* Guardare il titolo della pagina (o, con uno screen reader, ascoltarlo).
* Guardare i titoli delle altre pagine del sito web.
Cosa controllare:
* Verificare la presenza di un titolo che descriva adeguatamente e brevemente il contenuto della pagina.
* Verificare che il titolo sia diverso da quello di altre pagine del sito e che distingua adeguatamente la pagina da altre pagine web.

Indice dei contenuti
Se il vostro sito web contiene molte informazioni, le WCAG raccomandano di andare oltre gli elementi di navigazione di base, come la barra di navigazione o la mappa del sito.
In queste situazioni, è possibile ridurre la complessità di una pagina con un indice che (1) fornisce una panoramica completa del contenuto della pagina e (2) consente agli utenti di saltare alla sezione desiderata.
Questo approccio contribuisce anche a soddisfare il criterio di successo WCAG 2.4.5: Modi multipli, che raccomanda di fornire agli utenti più di un modo per individuare una pagina web all’interno di un insieme di pagine web. L’intento è quello di fornire agli utenti più modi per individuare i contenuti, in modo che possano scegliere il modo migliore per loro.
Wikipedia è un ottimo esempio di come un indice possa semplificare l’esperienza di navigazione.

Accessibilità alla formazione/workshop/evento

Leggete il modello sociale della disabilità e ricordatelo sempre quando preparate le attività. Il modello sociale della disabilità afferma che le persone sono disabili a causa delle barriere presenti nella società, come gli edifici che non hanno una rampa o servizi igienici accessibili, o degli atteggiamenti delle persone, come l’idea che le persone con disabilità non possano fare certe cose. Le esigenze specifiche delle persone, e quindi le loro capacità specifiche in quanto esseri umani unici, dovrebbero essere una risorsa per qualsiasi gruppo di attività, non un peso o una barriera. Progettate le vostre attività in modo da sfruttare al meglio ciò che ogni partecipante ha da dare, indipendentemente dalle sue condizioni o necessità. Ad esempio, se state svolgendo un’attività teatrale, una persona con una forma di SLD potrebbe non essere in grado di svolgere un determinato compito, ma potrebbe essere in grado di svolgere un altro compito altrettanto creativo.

https://www.shapearts.org.uk/news/social-model-of-disability-easy-read
https://www.drakemusic.org/blog/nim-ralph/understanding-disability/
https://www.drakemusic.org/blog/nim-ralph/understanding-disability-part-5-the-social-model/

In caso di comunicazione esterna e online dell’evento, assicurarsi che i materiali abbiano una comunicazione chiara, con una dimensione adeguata dei caratteri e un design di facile lettura. Nel processo di registrazione, chiedete quali sono le esigenze specifiche di ogni partecipante, in modo che i materiali e le attività possano essere preparati di conseguenza. Potete anche cercare di stringere partnership direttamente con istituzioni che lavorano con persone con SLD e, in questo caso, progettare le attività già in collaborazione con queste istituzioni e con i partecipanti, affrontando fin dall’inizio i loro desideri, le loro necessità e il loro potenziale.

“Iniziate a conoscere i vostri partecipanti. Nel processo di candidatura non dimenticate di chiedere: “Avete esigenze specifiche?”. Fate alcuni esempi per illustrare le esigenze specifiche, come ad esempio:
– Mi muovo su una sedia a rotelle
– Ho bisogno di informazioni in Braille
– Ho bisogno di informazioni con testo ingrandito
– Ho bisogno di un interprete della lingua dei segni
– Altro

Questo è un modo semplice per conoscere il pubblico e adattare l’accessibilità alle sue esigenze. È importante iniziare con piccoli passi e mostrare che la vostra organizzazione si preoccupa di adattare l’attività alle esigenze specifiche del pubblico rende le persone più tranquille nell’iscriversi oltre a quelle esigenze che in altri luoghi possono essere una barriera.

Se vi trovate in uno spazio che non è accessibile, cercate di trovare alcune soluzioni per renderlo adatto all’attività, ad esempio:
– Installare rampe anche se temporanee
– Predisporre parcheggi accessibili
– Creare una segnaletica chiara, in modo che le persone non si perdano all’interno dello spazio in cui si svolge l’attività.
– Assicuratevi che il vostro sito web funzioni per tutti e che elenchiate chiaramente l’accessibilità del vostro evento (utilizzate lo strumento https://cloud.google.com/blog/products/chrome-enterprise/new-accessibility-features-in-chrome-browser-and-chrome-os)”.

La prima cosa da tenere a mente quando si crea un evento accessibile alle persone con disabilità è riconoscere i vari tipi di disabilità, ad esempio: visiva, uditiva, motoria, persone con animali di servizio e persone che utilizzano dispositivi di adattamento.

Disabilità visive – Assicuratevi che l’evento abbia una segnaletica chiara (che identifichi il luogo e le indicazioni), che lo spazio sia ampio e che tutte le aree siano ben illuminate. Può essere utile installare schermi di proiezione visibili da tutti i posti a sedere, in modo che tutti gli utenti abbiano una visione chiara degli spettacoli.
Disabilità uditive – Assicuratevi che l’acustica dello spazio sia buona e utilizzate un buon sistema di diffusione sonora (PA). Limitare la musica di sottofondo non necessaria e prevedere posti riservati vicino al palco per la lettura labiale e spazi centrali e ben illuminati per un interprete, se necessario. Potete anche fornire dispositivi di ascolto assistito.
Mobilità – Tenete conto delle persone che possono utilizzare una sedia a rotelle o altre attrezzature per la mobilità. Assicuratevi che il vostro evento preveda un parcheggio accessibile e che ci siano fermate di autobus o taxi vicino al luogo dell’evento. Se ci sono scale, assicuratevi che ci siano rampe di accesso e/o ascensori. Fornite servizi igienici riservati alle persone in sedia a rotelle e assicuratevi che siano abbastanza grandi per due persone, nel caso in cui la persona abbia bisogno di un assistente.
Animali di servizio – Consentite agli animali di servizio di partecipare al vostro evento e fornite loro spazi confortevoli per riposare durante l’evento. Ricordate che hanno anche bisogno di servizi igienici e aree di abbeveraggio accessibili.
Dispositivi adattivi – Considerate le persone che potrebbero aver bisogno di utilizzare dispositivi adattivi. Fornite loro prese elettriche in aree accessibili per adattarle ai dispositivi.

È anche importante fornire biglietti per gli assistenti personali/accompagnatori e fornire tutte le informazioni sull’accessibilità dell’evento sul sito web (misura semplice: fornire un indirizzo e-mail esclusivo per queste domande, a cui le persone possono inviare e chiarire i loro dubbi).

Consultate anche il progetto Europe Beyond Access (https://www.disabilityartsinternational.org/europe-beyond-access/), molto utile per ispirarsi e sapere come sostenere gli artisti disabili a rompere i soffitti di vetro della danza e del teatro contemporanei. Hanno un utile rapporto sul progetto, che lavora per aumentare la consapevolezza delle barriere che gli artisti e il pubblico disabili continuano ad affrontare quando accedono alle istituzioni culturali europee. Il rapporto preannuncia un chiaro invito ai politici e ai finanziatori a ridurre seriamente l’esclusione culturale delle persone disabili.

Cercate di finanziare la vostra attività con sponsor o mecenati. Può trattarsi di un sostegno semplice come il pagamento dell’iscrizione di uno dei partecipanti. La sponsorizzazione e il mecenatismo a volte non comportano grandi cifre. Un piccolo contributo da parte di diverse aziende può rendere la vostra attività più accessibile. Gli sponsor e i partenariati locali sono molto importanti e anche i fondi nazionali o internazionali possono essere un’opzione. Tutti questi meccanismi di finanziamento vi aiutano a garantire che l’evento sia fattibile e di buona qualità, consentendovi di ridurre i costi per i partecipanti e quindi di raggiungere un pubblico più vasto.

Consultate le seguenti linee guida di base su come ottenere una sponsorizzazione: https://sponsorshipcollective.com/how-to-get-sponsorship-for-anything-a-complete-step-by-step-guide/

Vedere l’esempio di sponsorizzazione studentesca di Piano & More: https://www.pianoandmore.org/student-sponsorship-program.html (sponsorizzazione dell’esperienza per uno studente).

Cercate di capire che tipo di fondi locali o nazionali sono disponibili per supportare/sponsorizzare le vostre attività e valutate se avete i mezzi necessari per fare domanda. Lo stesso vale per le opportunità di finanziamento internazionali. Per maggiori informazioni sui finanziamenti europei, consultare le pagine seguenti:
https://european-union.europa.eu/live-work-study/funding-grants-subsidies_en
https://eufundingplaybook.fi/how-to-apply/

Assicuratevi che i partecipanti si sentano a proprio agio fin dall’inizio. Preparate dei momenti per rompere il ghiaccio, in modo che si conoscano e si conoscano meglio. Garantite una politica di tolleranza zero nei confronti del bullismo e della discriminazione di qualsiasi tipo. Se lo ritenete utile, potete presentare la vostra attività fin dall’inizio come un momento e un luogo in cui non c’è tolleranza per questo tipo di comportamento e in cui volete che tutti partecipino in modo equo e rispettoso.

Per alcune idee sulle attività per rompere il ghiaccio, consultate le seguenti risorse:
https://www.idtech.com/blog/fun-icebreakers-for-kids-and-teens
http://youthmusictoolkit.org/activities/icebreakers

Coinvolgete i partecipanti nel processo. Non fate un’attività per loro, ma un’attività con loro. Riservatevi uno spazio per improvvisare e adattare l’attività a ciò che i partecipanti desiderano. In questo modo, si sentiranno continuamente motivati perché hanno un ruolo attivo nello svolgimento dell’attività.

Tenete presente che attraverso le vostre attività i partecipanti dovrebbero imparare cose utili per la loro vita quotidiana. Come comunicare, rispettare gli altri, essere tolleranti, sviluppare una nuova rete di contatti, tra le altre cose. Assicuratevi che le vostre attività non insegnino solo un argomento specifico (ad esempio, le competenze digitali), ma servano anche ad acquisire competenze di base molto utili per la vita in generale.